Prossimi Appuntamenti

  • S'informano i colleghi allenatori che hanno già eseguito i primi due moduli che a breve saranno pubblicate le date e i luoghi di svolgimento del TERZO e ultimo modulo di aggiornamento obbligatorio.

  • Sarà consegnata agli allenatori associati AIAC 2016 che parteciperanno ai prossimi corsi di aggiornamento territoriali relativi al Terzo Modulo (ultime 5 ore) la Pen drive in foto contenente le slides di tutti e tre gli aggiornamenti effettuati

Stampa

Risultato storico per l'AIAC Nazionale

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Corso Speciale Allenatore Professionista UEFA A solo per gli allenatori dei campionati dilettanti

La nota fatta pervenire dal Presidente Ulivieri lo scorso 21 gennaio rappresenta un risultato storico per l’Associazione Italiana Allenatori Calcio. Infatti, con comunicato ufficiale numero 128 del 16/1/2014, il Settore Tecnico ha pubblicato un bando per la effettuazione di un “Corso Speciale per l'abilitazione ad allenatore professionista di Seconda Categoria Uefa A” riservato esclusivamente a tecnici che abbiano acquisito punteggio allenando tra i Dilettanti” queste le parole del Presidente AIAC Calabria Raffaele Pilato che ha accolto con soddisfazione il successo ottenuto dal Presidente Ulivieri. “Anche noi dalla Calabria abbiamo dato durante gli ultimi incontri di Coverciano importanti suggerimenti per raggiungere tale traguardo. Continuare a valutare il punteggio di calciatore per entrare a un corso allenatore professionista dando poco peso alla carriera da tecnico, è sempre stato un grande problema per i tanti appassionati che hanno svolto la propria attività nei campionati Dilettanti per accedere a tali corsi. Di questo siamo soddisfatti e crediamo che anche tutti i nostri associati possano essere soddisfatti di un tale importante risultato.

Credo non ci sia bisogno di aggiungere altro se non invitare i pochi che ancora sono esitanti, a entrare e far parte di questa grande famiglia, che tutela non solo gli aspetti economici di tutti i Tecnici Abilitati”.

 

“Mi piace sottolineare come questa richiesta a noi arrivata con forza dalla base e da noi trasformata in un punto qualificante di programma per il quadriennio in corso abbia trovato finalmente una risposta positiva. Sia il Settore Tecnico sia il presidente federale Abete hanno condiviso la scelta. Si tratta di prendere atto positivamente della realtà: non esiste in concreto una sola strada verso la panchina, riservata agli ex-calciatori. Un bagaglio tecnico di livello può essere accumulato stagione dopo stagione anche nella trincea dei campionati cosiddetti minori.” Queste le parole del Presidente Nazionale Renzo Ulivieri diramate attraverso una nota a tutte le sezioni regionali dell’AIAC. “E a chi contesta questa impostazione parlando d’inutile “tesserificio” che crea un’inflazione di allenatori rispetto ai posti realmente disponibili, rispondo che ognuno è consapevole della realtà, e che sarà poi la competizione a far emergere e a selezionare i più capaci tra noi. Negare un diritto alla qualità, che oltretutto il singolo si paga senza gravare su alcuno, mi sembra più grave, oltreché ingiusto”.

Tutte le informazioni sul comunicato e sull’attivazione dei corsi potranno essere reperite sul sito ufficiale dell’Assoallenatori calabrese www.aiaccalabria.com.

Scarica il BANDO del CORSO SPECIALE UEFA A

Scarica il teso della lettera del Presidente Ulivieri

Stampa

Buon 2014

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Cari Allenatori,
 
a chiusura di un anno inteso e ricco di attività mi sembra doveroso salutarvi con una lettera aperta con la quale augurarvi un nuovo anno ricco di successi e soddisfazioni.
 
Il 2013 è stato per la nostra associazione un anno ricco di avvenimenti e di importanti traguardi raggiunti grazie soprattutto alla vostra fiducia nei nostri confronti.
 
Numerosi sono stati gli obiettivi per i quali non era facile raggiungere il successo ma che ci hanno visto sempre impegnati: abbiamo superato la soglia impensabile dei 500 associati in poco più di un anno di gestione; abbiamo tanti nostri associati che hanno assunto incarichi di livello Nazionale Mesiti consigliere nazionale, Modafferi delegato assembleare FIGC, Salerno, Campolo, Bruni e Sergi delegati a rappresentare gli allenatori professionisti di seconda categoria, De Rosa e Tortelli rappresenteranno invece i professionisti di prima categoria; per la prima volta su nostra iniziativa tutti i Presidenti Regionali all'unanimità hanno condiviso e sottoscritto un documento riguardante la modifica dello Statuto Nazionale.
 
Fiore all'occhiello di questo anno il successo che abbiamo avuto con la nostra iniziativa del “Premio Allenatore dell'Anno” molto apprezzato sia dal massimo dirigente nazionale degli arbitri, Marcello Niccchi sia dal nostro presidente Ulivieri entrambi presenti nella serata conclusiva, tanto che nell'ultima assemblea nazionale dei presidenti regionali è stato richiesto il questionario relativo al Premio. È emersa la volontà di estendere l'iniziativa in tutte le regioni d'Italia. A tal proposito mi preme congratularmi con il Presidente CRA-AIA, Stefano Archinà, e con tutti i dirigenti regionali per la promozione ad arbitro internazionale della Signorina Valentina Garofalo di Vibo Valentia, segno che il lavoro di qualità porta sempre a risultati eccellenti.
 
Mi rammarico di non riuscire sempre a far definire in modo positivo le pratiche della commissione nazionale del Fondo di Solidarietà. Diversi colleghi si sono viste respinte le richieste poiché prive di riscontro del pagamento delle quote associative negli anni interessati dalle vertenze economiche non soddisfatte dalle società. L'invito pertanto è quello di effettuare il pagamento della quota associativa al più presto al fine di evitare spiacevoli situazioni nelle quali per pochi euro non versati non si ha diritto a migliaia di euro dal fondo di solidarietà.
 
Ricordo, infine, che bisogna partecipare ai corsi di aggiornamento obbligatori indetti dal settore tecnico. Ogni allenatore deve frequentare 15 ore di aggiornamento in tre anni pena la sospensione dall'albo. Siamo partiti anche in Calabria organizzando il primo corso a Catanzaro. nei primi giorni del nuovo anno saranno indetti altri corsi nelle altre province. Vi invito pertanto a seguire le istruzioni pubblicate sul nostro sito www.aiaccalabria.com per poter effettuare l'iscrizione ai Corsi Territoriali organizzati dall'AIAC. Tutti i nostri associati riceveranno uno sconto di 10 euro sulla quota d’iscrizione.
 
Spero che il 2014 sia un anno di successi ancora più importanti per tutti.
 
Auguro agli allenatori, ai calciatori, ai dirigenti, agli arbitri e a tutti gli sportivi di dar vita ad un anno ricco di soddisfazioni e raggiungimento delle mete prefissate, ma soprattutto di esempi di lealtà e sportività, all'insegna del divertimento e della gioia, perché il calcio si ama, e se si ama bisogna dare buoni esempi ai nostri giovani.
 
Buon 2014 a tutti voi ed ai vostri cari.
 
                                                                     Raffaele Pilato                                                     
                                                              Presidente AIAC CALABRIA
 
Stampa

Premio Allenatore dell'Anno

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Comunicati LND